Graphene Project 1 – L’inizio

Se frequentate da qualche tempo la chat telegram e il gruppo facebook di Opendman , saprete che da qualche tempo io (cripto) e altri utenti che partecipano ad opendman ci siamo messi d’accordo per collaborare intellettualmente ed economicamente per realizzare la sperimentazione di produzione di grafene a basso costo.
Internet è piena di ricette e metodi che promettono di ottenere grafene in poche ore, inutile dire che nella maggior parte dei casi si tratta di fuffa; dal lavoro svolto fin ora fra i molti metodi utilitizza per produrre grafene i più user friendly sono dei procedimenti chimico fisici destinati a esfoliare la grafite a strati monoatomici per ottenere per ottenere il grafene.
In genere si ricorre a un solvente e un tensioattivo (sapone per piatti) che aiuta ai vari strati di grafite a separarsi fra loro ma cosi si ottiene un prodotto fortemente contaminato e difficile da purificare con mezzi comuni.

Il metodo più efficace che ho trovato per ottenere della polvere di grafene è utilizzare un solvente in una soluzione 75/25 % acqua/acetone e sottoporlo a un processo di sonicazione, con la possibilità di utilizzarle diversi strumenti (vasca a utrasuoni, omogeneizzatore da laboratorio, frullatore) affinché i vari strati di grafite si separino infine decantarlo, eliminare più solvente possibile e far evaporare il resto.

Dopo una prova fallimentare fatta questa settimana (si è bruciato il generatore della vasca ad ultrasuoni dopo pochi minuti), lunedì proverò il metodo che utilizza il frullatore (sperando che non bruci pure esso).

in queste settimane ho fatto tradurre varie risorse che renderò disponibili a tutti appena sara completata la procedura di debug del cloud di Opendman, intanto eccovi il link ai video (in inglese) di una delle fonti che abbiamo utilizzato per questa sperimentazione.

Alla prossima settimana per ulteriori aggiornamenti.

Cripto